sabato 22 febbraio 2014

L'elegante omaggio a Sergio Endrigo

E' Marco, che si avvicina da solo al microfono, ad aprire la serata con un’elegante e delicata esecuzione di "Io che amo solo te" di Sergio Endrigo. 
Innegabile la capacità di calarsi nel ruolo imposto dal brano che interpreta: la sua presenza scenica e il suo modo di cantare pulito e senza vezzi inutil, tuttavia mantenendo un grande rispetto per l'autore originario (tanto da provocare i ringraziamenti  della figlia Claudia nella pagina FB), ci portano con la mente negli anni 60 come se il tempo non fosse mai passato. 
Unanime il coro di voci che si è levato subito dopo l'esibizione di Marco, dai numerosi fan agli estimatori occasionali, ai giornalisti musicali, agli speakers, ai bloggers: se avesse partecipato in gara, avrebbe vinto anche questa edizione del festival.





Nessun commento:

Posta un commento

I commenti vengono controllati prima di essere pubblicati